RICETTE
Comment 1

Filetto tartaruga, in cucina con il mio babbo

Amo il mio babbo follemente.
Tutto quello che so, me l’ha insegnato lui.
Soprattutto l’amore per la cucina, realizzare piatti di successo, ottimi sapori, colori belli, è quello che in anni di ristorazione mi ha trasmesso.

Quando ero piccola ero attratta da questo mondo così gustoso, mi divertivo a guardarlo mentre fiammeggiava in cucina con il suo canovaccio legato al grembiule.

E poi aveva e ha da sempre questa mania dei bottoni colorati nella giacca da cuoco, come se la sua estrosità e simpatia si misurasse anche dall’abbigliamento.

Mi ha sempre detto che un bravo cuoco non porta giacche scure, in cucina ci si veste di chiaro.

Altra mia grande gioia è che mi ha sempre resa partecipe dei suoi successi lavorativi, quando veniva premiato a certi concorsi mi portava con lui. Quando ha vinto nel 1995 il “Tortello d’oro” io avevo appena 4 anni e sono salita con lui sul palco. Come che anche io fossi il suo piccolo trofeo. Lui sempre fiero di me. Che emozione.

Non sono portata per mostrarmi di persona, preferisco restare dietro al mio pc e perdermi tra mille parole. E lo ero anche da piccola. Solo che con lui avevo una sicurezza che mi faceva sentire unica al mondo. Ora sono grande ma averlo al mio fianco mi fa sentire come allora.

Con così tanta stima per lui ho pensato, perchè non preparare un post assieme?

Oltre ad assomigliarci moltissimo, abbiamo in comune l’amore per il tartufo e abbiamo deciso di preparare un filetto di manzo al tartufo, con cappella di fungo porcino.

Era uno dei piatti che andava per la maggiore nel suo ristorante, lo aveva chiamato “Filetto Tartaruga”, proprio perchè la cappella del fungo adagiata sopra alla carne richiamava l’immagine di una tartaruga.

E’ veramente favoloso.
Gustoso e delizioso.

Poi averlo cucinato con lui, il mio maestro di cucina, mio maestro di vita, gli ha dato un sapore pieno di amore.

Perchè oltre ad amare la cucina, entrambi amiamo la nostra famiglia.
Tra risate, fotografie, qualche chiacchiera, un bicchiere di Primitivo, l’atmosfera natalizia che non smette di scaldare la casa, qualche fungo alla griglia, e musica appena accennata, abbiamo realizzato tutto questo.

Vi lascio le foto,
spero possano ispirarvi ed entrare nelle vostre case.

Camilla

ingredienti:

– Filetto di manzo
– Tartufo o burro al tartufo
– Cappella di fungo porcino
– olio EVO e sale q.b.
Cuocere alla griglia il filetto e la cappella di fungo porcino (salare il fungo nel centro).
Preparare al centro del piatto una noce di burro al tartufo o qualche scaglia.
Quando la carne è pronta adagiarla sul tartufo per farlo sciogliere.
Adagiare sopra la carne la cappella del fungo.
Salare e oliare a proprio piacimento.

This entry was posted in: RICETTE

da

Appassionata di mode, tendenze e comunicazione. La cucina e la pasta fresca sono parte del mio sangue e tra una ricetta e un'altra scrivo di vita quotidiana, eventi e di tutto quello che mi circonda. Ovviamente tutto questo lo faccio con le mani sporche di farina e con la fotocamera vicino.

1 commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...