ASPETTANDO IL NATALE, PAGINE DI DIARIO
Lascia un commento

Spiegare l’amore ad una bambina. (11/12/2015)

In auto, andando all’asilo.- Papà, ma perché Santa Lucia è cieca?

– Eh, perché un cattivo l’ha ferita agli occhi per farle fare una cosa che lei non voleva.

– E lei l’ha fatta?

– No.

– Ma se è cieca come fa a leggere le letterine dei regali dei bambini?

– Ah. Beh. Penso che gliele legga il suo aiutante, il cocchiere che tira il suo asinello.

– E come si chiama?

– L’aiutante? Castaldo.

– Ma lei lo ama?

– Chi?

– Santa Lucia lo ama?

– Oddio Ginevra, non lo so, non ci ho mai pensato. Sono sicuro che gli vorrà bene, certamente, ma non saprei dire se sono fidanzati o che.

– Ma se lei è cieca come fa ad amarlo?

– Eh? In che senso? 

– Se non lo vede. Magari lui è brutto.

– Patata, senti. Tu vuoi bene al papà?

– No.

– Ecco. Cambiamo domanda. Vuoi bene alla mamma?

– Sì.

– Quando chiudi gli occhi le vuoi bene lo stesso?

– Sì.

– Ecco, con l’amore dei grandi è la stessa cosa, Ginevra. Non c’è solo quello che vedi, c’è soprattutto quello che senti, come quando ascolti le tue canzoni nelle cuffiette.

La vedo che ci pensa.

– Allora l’amore è come la musica, papà?

– Una specie, sì. Però non si ascolta con le orecchie.

– E con cosa?

– Beh, con tutto. Anche col naso. Anche con le mani. Anche coi piedi.

– Ma va’! Ma come fai coi piedi?

– Ti faccio un esempio. Sai cosa fanno le fidanzate coi fidanzati, per vedere se loro le amano davvero? Lo faceva sempre anche la mamma.

– Cosa?

– Quando all’inizio la andavo a trovare nella sua casetta, o mi veniva a trovare lei, e dormivamo insieme, di notte la mamma mi metteva sempre i suoi piedi ghiacciati sulla schiena, oppure sulle gambe.

– E tu cosa facevi?

– Li tenevo lì, e glieli scaldavo.

– Ma non ti facevano freddissimo?

– Un po’, sì.

– Ma quando la mamma ti metteva i piedi sentivi la musica, papà?

– Ogni volta.

Di Matteo Bussola.

This entry was posted in: ASPETTANDO IL NATALE, PAGINE DI DIARIO

da

Appassionata di mode, tendenze e comunicazione. La cucina e la pasta fresca sono parte del mio sangue e tra una ricetta e un'altra scrivo di vita quotidiana, eventi e di tutto quello che mi circonda. Ovviamente tutto questo lo faccio con le mani sporche di farina e con la fotocamera vicino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...