Autore: Camilla

Cosa succede se metti insieme 30 blogger a cucinare con ingrediente principale acqua? 

Ormai è passato quasi un mese, ma vi voglio raccontare cos’è successo quando sono stata invitata a La Scuola de La Cucina Italiana da Grohe. È stata un’iniziativa molto ben organizzata e ho avuto modo di conoscere tante nuove amiche con cui condivido questa passione del blog e rivederne tante altre. Pensate che erano presenti 30 blogger, suddivise tra food e lifestyle e vedere personalmente delle ragazze che seguo da anni, le conosco virtualmente ma che non avevo ancora avuto modo di incontrare …che dire, una bella sorpresa! Ma facciamo un passo indietro. Sono arrivata a Milano con un trambusto pazzesco – evito di raccontarvi la parte dove da Ferrara perdo il treno e corro a Padova per prenderne un altro di corsa, ecco, evitiamo – fatto sta che dopo 3 ore e mezza finalmente arrivo a Milano, ho giusti giusti 10 minuti per arrivare in orario all’appuntamento di Grohe, metro di corsa e via. La Scuola de La Cucina Italiana si trova in piazzale Cadorna e si raggiunge davvero facilmente (tra l’altro hanno dei …

Alla ricerca di comfort

E adesso che questo autunno sembra portare anche un pò di freddo, io inizio a rispolverare tutte quelle tradizioni che profumano di comfort e di calore. Che sia la zuppa di cipolle o che sia quella tisana allo zenzero che scalda anche le sere più fredde, io sento proprio la necessità di circondarmi di attenzioni confortevoli. Lo so di non essere l’unica, quindi amiche e amici fatevi avanti raccontandomi dove trovate le sensazioni di “comfort” che amiamo tanto!!! Questa riflessione nasce dal fatto che sono a Milano da quasi un mese con una sola giacca di pelle, che il freddo inizio a sentirlo parecchio alla mattina ma anche dopo aver ricevuto una mail questa mattina che mi ha scaldato im-me-dia-ta-men-te. Si tratta di una serie di comunicati stampa inerenti ad una azienda che tratta stufe e caminetti sia a pellet che a legna. Guardando il sito già mi era venuta voglia di casa, calze pesanti antiscivolo e candele 🙂 Ecco che poi sono rimasta sorpresa da una novità, o almeno io non so se sia …

#worldpastaday – Per me che la pasta è una tradizione familiare 

La qualità lascia a desiderare, però, per chi non avesse seguito la diretta, qui potete vedere me e la mia mamma che parliamo di pasta per il #worldpastaday. Secondo me dal nostro entusiasmo si capisce che la passione per la cucina è quello che ci sprona ogni giorno e che è un gene stampato nel nostro DNA. Il cibo ci rende felici e ci fa persone migliori ​ ​  

Challenge: riso Flora, patate e cozze

Ingredienti: 350g di riso Flora 600g di cozze 600g di patate 2 spicchi di aglio 1/2 cipolla bianca 50gr pecorino grattugiato Olio, sale, pepe, prezzemolo, sedano q.b. Procedimento: Oliare la teglia nella quale andremo a comporre la ricetta. Tagliare la cipolla bianca a fettine sottili e stenderla sulla base. Disponete ora sopra la cipolla uno strato di fettine sottili di patate, condite con olio, sale, pepe e metà trito di aglio e prezzemolo. A questo punto adagiate le cozze che avrete in precedenza aperto in padella con il loro guscio, aggiungete un trito sottile di sedano sopra e condite a piacimento. A questo punto riempire tutta la superficie con il riso Flora Classico. Ultimate con uno strato di patate, condite come in precedenza e spolverate con del pecorino grattugiato. Aggiungete l’acqua dove avete aperto le cozze fino a ricoprire la teglia. Infornate per 40 minuti forno ventilato 200gradi.

Mezzelune al branzino, pomodorini, gocce di menta e stracciatella

Ingredienti sfoglia nera: 200g di farina 2 uova 1 bustina di nero di seppia Ingredienti sfoglia gialla: 300g di farina 00 3 uova Ingredienti ripieno: 2 patate 450g di filetti di branzino 1 spicchio di aglio olio extravergine, sale, pepe q.b. Prezzemolo fresco Ingredienti per il condimento: Menta Olio extra vergine di oliva 5 pomodorini stracciatella     Preparate le due sfoglie: impastate la farina con le uova e, quando la consistenza ottenuta sarà morbida liscia, fatela riposare per 30 minuti. Fate la stessa cosa con la sfoglia nera ma aggiungendo al composto il nero di seppia, poi lasciate anch’esso riposare. Per il ripieno: fate rosolare in una padella l’aglio con un filo di olio extra vergine, aggiungete i filetti di pesce e terminate la cottura. Eliminate l’aglio e passate i filetti di pesce al mixer con due patate bollite e schiacciate in precedenza. Aggiungere il prezzemolo tritato finemente e aggiustare di sale e pepe. Stendete entrambe le sfoglie con il matterello o con la sfogliatrice fino allo strato desiderato. Prendete la sfoglia al nero …

Domenico Della Salandra: il vero risotto alla milanese

Durante la Milano Food Week sono stata al DesinoLento, questo locale di nuovissima gestione in via Turati 6, in una meravigliosa galleria che ti fa dimenticare di essere in pieno centro città. Lo chef Della Salandra, che si è da pochissimo buttato in questo nuovo progetto, ci ha aperto le porte della sua cucina per raccontarci questa sua avventura gastronomica. Noi continueremo a seguirlo perché gli eventi e gli appuntamenti che lo vedranno presto protagonista con il suo DesinoLento riempiono il calendario meneghino e la mia personale curiosità è tanta. Abbiamo passato il pomeriggio in compagnia sua e dei suoi ragazzi, facendo il reportage completo di tutto il nostro incontro con una diretta Facebook durante la quale siamo riusciti a farci raccontare i segreti per preparare il vero risotto alla milanese con quel tocco gourmet che contraddistingue la sua personale impronta in cucina. Cliccate qui per vedere l’intervista completa sui canali social di ALICE TV.  

Intervista video live con ENRICO BARTOLINI per la Milano Food Week 2017

Per me che il cibo, oltre che comunicarlo, lo tocco con mano ogni giorno, è un onore essere qua a confrontarmi con Enrico. La sua professionalità si mescola piacevolmente con il suo animo gentile, è lo specchio del suo locale: accogliente, curato nel dettaglio, pulito ed estremamente raffinato. A voi la mia diretta Facebook che è stata realizzata in collaborazione con AliceTv.

Evento ALMA – Appennino Gastronomico – Menù a km 0… la finale!

Oggi voglio raccontarvi dove vi porterò domani. Passeremo l’intera giornata nella mia amata ALMA per un bellissimo appuntamento con al centro della nostra visita la valorizzazione del territorio. Vi lascio il comunicato stampa per apprendere al meglio quello che ci aspetta a Colorno. Domani sintonizzati sui social per vivere l’esperienza in ALMA assieme a me.Appennino Gastronomico – Menù a km 0… la finale Il Parco Nazionale, in collaborazione con ALMA – La Scuola Internazionale di Cucina Italiana e Coldiretti, organizza giovedì 9 marzo presso la Reggia di Colorno, sede di ALMA, la finale della rassegna “Appennino Gastronomico – Menù a Km0”. La IX edizione dell’iniziativa enogastronomica del Parco Nazionale e della Riserva della Biosfera UNESCO dell’Appennino tosco-emiliano ha raccolto un grande interesse, sia da parte dei ristoratori e dei produttori, sia del pubblico che ha avuto modo di degustare e votare i piatti preparati per l’occasione dagli chef concorrenti. Anche quest’anno la finale si svilupperà con una giuria tecnica che ha selezionato tra i partecipanti alla rassegna cinque chef che operano nel territorio del Parco Nazionale e cinque presenti nella …

Il significato di Occidentali’s Karma

Oggi volevo raccontarvi cosa penso del Festival di Sanremo e sul perché credo che la vittoria di Francesco Gabbani sia il primo passo verso l’accettazione della nostra società moderna. Una piacevole e sincera spiegazione tra bei sorrisi e balli divertenti. Facciamo un passo indietro e analizziamo quello che da un po’ di tempo a questa parte è diventato il mio lavoro: il web, e credetemi è il fulcro della canzone.

L’adolescenza vista a posteriori. IL MIO FARO. Torno a scuola.

  Quando sei un ragazzo giovane e frequenti le scuole superiori, che sia un istituto o un liceo, la frase che risuona continuamente nei discorsi con le altre persone è che stai vivendo il periodo più bello della tua vita e che lo ricorderai/rimpiangerai quando sarai adulto e pieno di responsabilità. E’ vero, pur essendo ormai un lontano ricordo è comunque un percorso in una terra di mezzo che, a guardarlo a posteriori, sembra un momento immaginario, quasi senza appartenere ad un determinato luogo e tempo. Forse più che di periodo scolastico è meglio parlare di adolescenza, e sì, la rimpiango un po’ anche io. Esistono poi quelle persone che ti prendono per mano e ti aiutano ad affrontare questo percorso sentendo meno la fatica e pronte a prenderti al volo se stai per cadere. Non le perdi nel cuore queste persone. Possono passare anni senza mai vedersi, possiamo cambiare viso, aumentare le rughe di espressione sul nostro volto, possiamo anche aver stravolto le nostre vite da allora, ma loro sono sempre lì. Che siano …

La mia notte di San Silvestro, THE LAB e incendio del Castello di Ferrara

Con l’inizio di nuovo anno è inevitabile non scorrere tra le mani quelle 365 pagine di un anno che io personalmente, andando controcorrente, ho amato molto. Se dovessi definire il 2016 con una parola sarebbe sicuramente “soddisfazione”. Soddisfazione: Gradimento, compiacenza per il carattere pienamente rispondente, positivo o favorevole di un fatto: è stata una bella s. per lui vincere il concorso; talvolta, a proposito del piacere derivante da una puntigliosa ricerca di rivalsa personale. Soddisfazione nei confronti delle persone che mi hanno voluto bene e che ho scelto di tenere al mio fianco, fortificando i rapporti e provando emozioni e sensazioni che da molto tempo non provavo più. Quelle persone che sono state in primo luogo colleghe di lavoro, in svariate città diverse, tutte unite dalla passione del blog della comunicazione digitale e dalla voglia di fare sempre meglio. Quelle persone che sono andate oltre al lavoro e ora sono compagne di viaggio, amiche e grande appoggio personale. Soddisfazione lavorativa, perché il 2016 è stato l’anno di grande svolta per me. Il blog ha capito che strada …